20 NOVEMBRE 2015 SCIOPERO DELLA SANITA'

Sciopero Generale del Pubblico Impiego. Menifestazioni a Milano, Napoli, Roma

 

L’AUMENTO DI 5 EURO AL MESE proposto dal Governo è un insulto inaccettabile ai lavoratori del Pubblico Impiego con i contratti bloccati da ben 6 anni! sintomo di una concezione deprecabile del Pubblico che sta producendo effetti disastrosi e che in sanità comporta conseguenze gravissime per la salute pubblica.

RINUNCIA ALLA CURA: i tagli alla spesa inducono gli italiani a curarsi meno. In questo caso, sono allarmanti i dati del CENSIS che evidenziano come il40% degli italiani rinuncia a curarsi a causa dei ticket sempre più cari e delleliste d’attesa sempre più lunghe. Gli italiani hanno pagato di tasca propria ben 33mld di euro, uno in più dell’anno precedente!

TURNI MASSACRANTI E SICUREZZA
70.000 infermieri mancanti! Servono almeno 150.000 assunzioni, per evitare il collasso dei servizi sanitari. Riposi e ferie sempre più arischio, soprattutto dopo il giusto ripristino delle 11 ore di riposo tra un turno e l’altro

PRIVATIZZAZIONI: Pezzi sempre più consistenti di Sanità Pubblica passano in mano ai mercanti della salute con operazioni che si realizzano quasi sempre attraverso la CORRUZIONE degli amministratori pubblici.

PRECARIATO: Agenzie Interinali e Cooperative ormai gestiscono grosse percentuali di personale anche nella sanità pubblica con la logica dello sfruttamento e del profitto, in assenza di diritti per i lavoratori e di garanzia per il loro futuro.