Al Pertini aumentano i rischi d'infezione si tagliano i salari: lunedì 8 aprile scioperano i lavoratori delle pulizie e sanificazioni

Roma -

Lunedì 8 aprile 2019 i lavoratori delle pulizie e sanificazioni dell'Ospedale Sandro Pertini e dei presidi sanitari territoriali della ASL Roma 2 incrociano le braccia.


Sono in sciopero, per protestare contro le gravose condizioni in cui sono obbligati a svolgere quotidianamente il servizio dalla società appaltatrice Formula Servizi.


Per i gravosi carichi di lavoro imposti; per i rischi di infezioni e contaminazioni a cui sono sottoposti; per la perdita di salario conseguente all'abbassamento della paga oraria; per il mancato lavaggio delle divise di lavoro come invece stabilito dal capitolato tecnico dell'appalto.


Da quando Formula Servizi è subentrata a MACA a luglio dello scorso anno, la pianta organica del personale impegnato solo sull'ospedale Sandro Pertini, si è ridotta di circa 400 ore settimanali, con conseguente sovraccarico di lavoro per il personale chiamato a farsi carico del lavoro del personale non più presente sull'appalto.


A differenza degli altri operatori sanitari per i quali è previsto il lavaggio della divise di lavoro, i lavoratori delle pulizie devono invece portarsi a casa le divise e lavarsele, in violazione di quanto stabilito dal capitolato tecnico dell'appalto che stabilisce l'obbligo per il datore di lavoro di lavare e sanificare le divise di lavoro dei propri dipendenti a proprio carico, con grave rischi di infezioni e contaminazioni per i propri familiari e per tutti i cittadini, inoltre non fornisce ai lavoratori il più ovvio ed elementare D.P.I., i guanti di lavoro, costringendo i lavoratori a prenderli dalle forniture della ASL.

Formula Servizi, nel tentativo di aggirare l'obbligo del lavaggio delle divise, sta imponendo ai lavoratori di indossare delle tute di carta monouso che di fatto aumentano le difficoltà allo svolgimento dell'attività lavorativa.


Formula Servizi inoltre, dal 1 Aprile ha imposto una nuova turnazione lavorativa che alla sesta settimana stabilisce un monte ore settimanale inferiore all'orario settimanale contrattuale, che copre con le ore di permesso retribuito (ROL) con conseguente saldo negativo, per i lavoratori, del monte ore permessi annuale.


I lavoratori congiuntamente con l'Organizzazione Sindacale hanno più volte informato la ASL, anche per iscritto, delle sovraesposte problematiche, ma nonostante l'impegno formale di effettuare verifiche, quest’ultima non ha mai prodotto gli atti dovuti, continuando a favorire anche dal punto di visto economico l'appaltatore.


USB Lavoro Privato

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni