USB SANITA SICILIA: AL POLICLINICO DI MESSINA LA DIREZIONE CONTRO I SUOI STESSI DIPENDENTI. USB: GIU’ LE MANI DALLE NOSTRE TASCHE.

L' Amministrazione bastona ancora una volta i lavoratori

Messina -

 

Nel 2018 dopo 10 anni d' attesa, il contratto firmato da CGIL, CISL, UIL ecc. che ci dà' un misero
aumento salariale e la negazione di tanti diritti!!
Forte di questo contratto, l’azienda pretende di recuperare le retribuzioni corrisposte per i festivi
infrasettimanali, fra l' altro erogate dalla stessa amministrazione!!
C’ è bisogno di salario, contratto nuovo, diritto alla carriera, di pensare al miglioramento delle
condizioni di lavoro e di assistenza sanitaria, ed invece ecco che l’amministrazione ora vuole mettere
le mani nel portafoglio dei lavoratori per altro già vuote da un pezzo!!
L’azienda sospende il pagamento delle festività infrasettimanali, basandosi su un parere dell’Aran
che si rifà al contratto firmato dalle solite sigle sindacali!
Il personale garantisce cure, assistenza tutti i giorni a tutte le ore, privandosi anche di quei momenti
di festa che potrebbero tranquillamente trascorrere con le loro famiglie.
E’ illegittima la pretesa di recuperare le somme erogate spontaneamente dall’azienda, la quale ha
peraltro disposto, per opera della dirigenza competente pro tempore, uno specifico codice che
attestava automaticamente attività lavorativa in giorno festivo ed il conseguente indennizzo in base
alle norme contrattuali.
Quindi, se anche queste somme fossero state illegittimamente corrisposte, ne risponda allora il
dirigente che le ha autorizzate!
Questa Azienda ha deciso di andare contro i suoi stessi dipendenti che con spirito d’appartenenza e
sacrificio continuano a garantire un servizio agli utenti, le prime vittime delle sue scellerate politiche
organizzative!
La nostra O.S. in tutela dei lavoratori chiede un incontro urgente e l’interessamento del rettore e il
ritiro immediato della procedura di recupero di tale somme!!
Siamo pronti a proclamare uno stato di agitazione e manifestazioni con tutte le conseguenze che ne
verranno fuori!!
Nel 2018 dopo 10 anni d' attesa, il contratto firmato da CGIL, CISL, UIL ecc. che ci dà' un misero
aumento salariale e la negazione di tanti diritti!!
Forte di questo contratto, l’azienda pretende di recuperare le retribuzioni corrisposte per i festivi
infrasettimanali, fra l' altro erogate dalla stessa amministrazione!!
C’ è bisogno di salario, contratto nuovo, diritto alla carriera, di pensare al miglioramento delle
condizioni di lavoro e di assistenza sanitaria, ed invece ecco che l’amministrazione ora vuole mettere
le mani nel portafoglio dei lavoratori per altro già vuote da un pezzo!!
L’azienda sospende il pagamento delle festività infrasettimanali, basandosi su un parere dell’Aran
che si rifà al contratto firmato dalle solite sigle sindacali!
Il personale garantisce cure, assistenza tutti i giorni a tutte le ore, privandosi anche di quei momenti
di festa che potrebbero tranquillamente trascorrere con le loro famiglie.
E’ illegittima la pretesa di recuperare le somme erogate spontaneamente dall’azienda, la quale ha
peraltro disposto, per opera della dirigenza competente pro tempore, uno specifico codice che
attestava automaticamente attività lavorativa in giorno festivo ed il conseguente indennizzo in base
alle norme contrattuali.
Quindi, se anche queste somme fossero state illegittimamente corrisposte, ne risponda allora il
dirigente che le ha autorizzate!
Questa Azienda ha deciso di andare contro i suoi stessi dipendenti che con spirito d’appartenenza e
sacrificio continuano a garantire un servizio agli utenti, le prime vittime delle sue scellerate politiche
organizzative!
La nostra O.S. in tutela dei lavoratori chiede un incontro urgente e l’interessamento del rettore e il
ritiro immediato della procedura di recupero di tale somme!!
Siamo pronti a proclamare uno stato di agitazione e manifestazioni con tutte le conseguenze che ne
verranno fuori!!
 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni