USB CRITICA IL PIANO SOCIO SANITARIO DEL VENETO

Vicenza -

Con il Piano Sanitario Regionale si ammette che, se la politica governativa prosegue con il taglio dei trasferimenti  nazionali si rischia che il modello veneto venga messo in crisi seriamente.

 

Nel PSSR si  elencano una serie di obbiettivi condivisibili, si parla di garantire servizi, di garantire qualità e poi con l’altra mano si  ridimensiona personale, posti letto e si trasferiscono nel territori, nei distretti, in nuove strutture intermedie (hospice, ospedale di comunità, centri  riabilitativi) tutta una serie di interventi di post acuzie con conseguente spostamento  nel territorio di medici, infermieri,oss e con conseguente spesa per  i cittadini.

 

Nei reparti invece si vogliono introdurre tempi  e costi standard uguali per tutti gli ospedali dimenticandosi che gli ospedali non sono uguali tra loro, che in molti esistono alte specialità  o situazioni  particolari.

Nel PSSR pur scrivendo con un pò di autocritica che  i Projet Financing hanno comportato  spese ingiustificate con tanto di soldi finiti nelle tasche di costruttori e banchieri, ribadisce la volontà di continuare a costruire muri; cioè nuovi ospedali, Padova in Primis.

 

Altro punto cardine del PSSR è la razionalizzazione dei servizi e della spesa .

Quanto alla razionalizzazione  dei servizi e della spesa, intenzione anche condivisibile nel piano non appare chiara la differenza tra razionalizzare  e “ridimensionare”;

c’è il rischio concreto che in carenza di soldi  razionalizzare significhi  tagliare i servizi.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni