USB OSPEDALE GALLIERA: IL BUIO IN FONDO AL TUNNEL

AAA... Cercasi relazioni aziendali/sindacali disperatamente.

Genova -

E' dallo scorso anno che non si svolge una riunione “politica”, sono passati oltre sei mesi, sembra che al Galliera vada tutto bene, rose e fiori per tutti, benessere organizzativo da esportare, sicurezza strutturale eccellente, carichi di lavoro nella norma, rispetto degli orari di lavoro e dei riposi ottimi, un'oasi felice!

Eppure, da oltre un decennio, l'USB - Unione Sindacale di Base - denuncia pubblicamente una serie di violazioni e ambiguità legate all'applicazione delle normative e del contratto di lavoro. La lista è sempre più lunga, i contenziosi sono all'ordine del giorno e non si trova più il modo per far rispettare il concetto di legalità e il rispetto delle regole.

Anche la classe sindacale presente dentro l'Ente, non solo subisce passivamente l'arroganza aziendale ma, in alcuni casi, è addirittura complice!

Il caso più eclatante è l'accordo sottoscritto, tuttora vigente, sulle modalità di utilizzo delle Prestazioni Aggiuntive, una Legge (N. 1 del 8/1/2002) datata e non più coperta dai finanziamenti regionali. Al Galliera si effettuano le Prestazioni Aggiuntive che, per legge, sono parificate al lavoro autonomo, però in alcuni casi vengono poi retribuite con il fondo del lavoro straordinario, una commistione legislativa/contrattuale fantasiosa e beffarda che si ripercuote negativamente verso chi li esegue e ancora di più per tutti i lavoratori del comparto che subiscono un illegittimo svuotamento del fondo dello straordinario.

Nei giorni scorsi abbiamo denunciato la gestione padronale (oggi è diventata pure schizofrenica!) del servizio portineria, abbiamo raccontato della negazione del diritto alla mensa e dei buoni pasto sostitutivi che sono previsti per tutti i lavoratori che superano le 6 ore lavorative per turno, abbiamo fatto emergere il problema dei riposi saltati, dei turni massacranti e l'utilizzo improprio delle figure professionali nell'area amministrativa. I frequenti ricorsi al giudice del lavoro fanno solo da cornice ad una gestione organizzativa che sembra un colabrodo.

Oggi siamo venuti a conoscenza di un altro fatto eclatante e paradossale, l'utilizzo di dipendenti dell'Ente al servizio della Fondazione Voltaggio, una Fondazione di diritto privato!

Pochi sanno che da oltre un decennio al Galliera esiste una Fondazione denominata “Pio Istituto De Ferrari Brignole Sale in Voltaggio”, è gestita da un consiglio di amministrazione nominato dal consiglio di amministrazione dell'Ente, e i componenti sono quasi tutti appartenenti al consiglio di amministrazione dell'Ente.

Ma il problema non è la Fondazione o come viene gestita nonostante gli obblighi Statutari, il fatto assurdo è l'utilizzo del personale dell'Ente al servizio di una Fondazione privata! Se oggi un qualsiasi dipendente - che non arriva alla terza settimana con lo stipendio - viene beccato a fare il doppio lavoro viene licenziato in tronco, invece al Galliera si può lavorare anche per una Fondazione di diritto privato!

 

Tullio Rossi

Dirigente Sindacale USB PI

Coordinamento USB Sanita Liguria

RSU Ospedale Galliera

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni