USB PI Sanità: PRESIDIO DI PROTESTA REGIONE VENETO

Giovedì 30 Aprile ore 11.00 – Segreteria Regionale Sanità.

Richiesto Incontro Segretario Mantoan

 

Nazionale -

Mentre tutti si affannano a disquisire sul numero dei tagli compatibili, la carenza di personale, ed in alcuni casi i processi di privatizzazione, continuano a caratterizzare i bisogni di cura dei cittadini di questa regione.

I lavoratori/ici della sanità pubblica e la USB vogliono rimettere al centro della discussione proprio i bisogni di salute e non le necessità di compatibilità tra le politiche nazionali e quelle regionali, perché la sanità non è un problema economico ma di risposte ai bisogni dei malati e di chi ci lavora.

Per questo abbiamo chiesto alla Regione un incontro che affronti i seguenti problemi.

 

1. Sospensione della delibera regionale 610 sui tempi minimi di assistenza per gli infermieri e gli oss.

2. La deroga all'assunzione del personale assente per lunghi periodi (“gravidanza” e “malattie lunghe”)la giusta rideterminazione del rapporto operatori/posti letto e la garanzia del diritto di godere di ferie e riposi.

3. La revisione dei modelli assistenziali per intensità di cure che non funzionano (Ulss 17 e Ulss 6).

4. La sospensione del processo di privatizzazione del servizio ambulanze di emergenza del 118 della Ulss 5 e la riorganizzazione del Pronto Soccorso Ulss 7.

 

SU QUESTI TEMI CHIEDIAMO UN CONFRONTO SERRATO E COSTRUTTIVO CHE NON ESITEREMO A SOSTITUIRE CON PERCORSI DI LOTTA QUALORA LA REGIONE NON VOLESSE DISCUTERE

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni