USB SANITA CON RICARDO GERMANI E FRANCESCO INNOCENTE : TOCCHI UNO TOCCHI TUTTI

Nazionale -

Ancora una volta, di fronte alla pratica del conflitto che USB persegue quotidianamente come forma di rivendicazione, di denuncia e di tutela dei lavoratori, la reazione è violenta e scomposta ed attuata attraverso la più bieca forma di repressione che si possa immaginare, cioè quella dei tribunali e delle condanne a pene detentive.

Riccardo Germani, dirigente sindacale e membro del Coordinamento Nazionale del settore sanità e Francesco Innocente, delegato USB Sanità sono stati imputati di interruzione di pubblico servizio e danneggiamento, per aver fatto irruzione, insieme ad altri compagni lombardi di USB, durante una seduta della Commissione Sanità della Regione Lombardia.

L' azione, risalente al 14 maggio 2014, fu messa in atto per denunciare pubblicamente il sistema affaristico e corrotto che governa e gestisce la sanità in Lombardia.

Denuncia che ha trovato riscontro nelle indagini giudiziarie che hanno coinvolto sia i vertici della Sanità Lombarda, cioè l'Assessore alla Sanità dell'epoca Mario Mantovani e l'allora Presidente della Commissione Sanità Fabio Rizzi, nonché Roberto Formigoni a lungo Presidente della Regione Lombardia, tutti accusati di fatti corruttivi.

Per questi fatti, per questa forma radicale di denuncia, per questa estrema ma legittima forma di protesta, giovedì 14 giugno, i nostri due compagni verranno processati a Milano.

Il Coordinamento Nazionale del settore sanità, condivide in maniera assoluta quanto posto in atto dai compagni della Lombardia ed esprime la più totale vicinanza e solidarietà a Riccardo Germani e Francesco Innocente.

Invita inoltre, gli iscritti ed i simpatizzanti, a partecipare al presidio contro la repressione e di vicinanza ai compagni sotto processo, durante la giornata di mobilitazione e lotta che è stata organizzata sotto il tribunale di Milano.

 

CHI TOCCA UNO TOCCA TUTTI

 

Coordinamento Nazionale USB Sanita

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni