CONCLUSO INCONTRO ASSESSORATO SALUTE LOMBARDIA

Sopra ogni aspettativa la partecipazione all’iniziativa di sciopero ed alla manifestazione di oggi dei lavoratori e delle lavoratrici del Servizio Sanitario pubblico della Lombardia e del San Raffaele di Milano.

 

Milano -

   In Lombardia la situazione è resa più grave dal livello di corruttela che ha origine dalla politica e permea il sistema sanitario stesso; notevoli sono infatti le  corresponsabilità,  che  vanno dalle scelte “politiche” dei Manager delle ASL  fino al finanziamento illecito di gruppi imprenditoriali e di potere di carattere nazionale - come l’intera vicenda del San Raffaele sta dimostrando - per questo la disponibilità al colloquio, che l’Assessore alla Salute della Lombardia ci ha garantito a fine manifestazione nei riguardi  dei 450 esuberi del San Raffaele, non tranquillizza affatto i lavoratori e le lavoratrici del sistema e legittima ulteriori forme di lotta.

L’iniziativa di oggi, che ben si colloca in funzione del più ampio movimento di indignazione che sfilerà sabato prossimo per le vie di Roma in occasione del NO MONTI DAY, ha caratterizzato il nostro intervento in Lombardia  al pari delle iniziative di protesta e di lotta che si stanno sviluppando in molte altre regioni.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni